domenica 29 marzo 2020

AVV. PROF. Carlo Taormina

"Ringrazio di cuore le oltre 700.000 persone che ieri mi hanno sostenuto nella iniziativa di denunziare alla Procura di Roma i responsabili di questa strage di Stato che solo ieri ha mietuto quasi 1000 vittime e oggi saranno sicuramente altre centinaia .Sono tutti morti che non ci sarebbero stati se le misure oggi vigenti fossero state applicate almeno dal 31 gennaio. Sono morti per mancanza di respiratori e letti di terapia intensiva e sono morti strozzati perché facendo accatastare in tanta quantità i contagiati che sono esponenzialmente cresciuti per effetto del ritardo,sono stati fatti morire in casa o fuori degli ospedali lasciandoli crepare nelle autoambulanze oppure sono morti perché’ non sono stati messi in terapia intensiva scegliendo di farli morire e di salvare altri.

Chiedo a tutte le autorità competenti di dirci quanti sono i morti in casa o fuori degli ospedali senza essere stati presi in carico dal pronto soccorso e chiedo quanti siano i morti in ospedale perché non intubati o intubati in ritardo. Io porterò avanti questa battaglia e chiedo a tutti di darmi una mano facendo pervenire al mio indirizzo materiali e prove di quanto da me denunziato e che io consegnerò alla Procura di Roma e cioè relativamente alle responsabilità per il ritardo di 40 giorni nella imposizione delle misure attuali e per la criminale gestione delle mascherine:studiotaormina@virgilio.it.

Tutto e’ ad esclusivo valore di volontariato. 

Mi appello al Procurayore della Repubblica di Roma,Prestipino,che insieme a Pignatone,ha sgominato mafia capitale,di intervenire subito e personalmente sulla denunzia da me presentata e chiedo di essere sentito al fine di produrre altri materiali di prova."

0 commenti:

Posta un commento