mercoledì 25 marzo 2020

I virus artificiali sono la prossima grande minaccia terroristica? ARTICOLO INGLESE DEL 24/20/2014 (NEWSWEEK) - PARLA STRANAMENTE DI CORONAVIRUS


Ma una minaccia ancora maggiore potrebbe incombere nel prossimo futuro, con il potenziale di causare lesioni e perdite di vite molto più diffuse: malattie sinteticamente modificate progettate per infettare gli esseri umani su scala globale.

Questo è il pericolo che l'autore e futurista più venduto Rob Reid potrebbe derivare dal campo della biologia sintetica, che combina biologia e ingegneria per creare sistemi biologici artificiali, dalle colture geneticamente modificate ai virus personalizzati.

I biologi sintetici hanno modificato il DNA dei patogeni con velocità ed efficacia allarmanti nell'ultimo decennio, osserva Reid, aprendo una nuova frontiera in virologia, sanità pubblica e sicurezza globale.

Nelle mani sbagliate, avverte, questa tecnologia potrebbe creare un'arma con il potenziale di infliggere danni catastrofici su una scala senza precedenti.

Nel 2011, ad esempio, i virologi sia in Olanda che nel Wisconsin hanno alterato con successo il DNA del micidiale virus H5N1 (comunemente noto come "influenza aviaria") per creare il virus naturale, che in condizioni normali non si diffonde facilmente da persona a persona, più trasmissibile.

Il loro obiettivo era di studiare in modo proattivo una versione estrema del virus, nel caso in cui uno fosse emerso organicamente dalla natura in futuro. All'epoca, il genetista microbico Paul Keim, allora presidente del National Science Advisory Board for Biosecurity degli Stati Uniti, ha dichiarato: "Non riesco a pensare a un altro organismo patogeno spaventoso come questo."

Il genoma di un virus influenzale è lungo circa 10.000 lettere, una sequenza che potrebbe rientrare in una manciata di pagine.

Il codice sviluppato dagli scienziati olandesi per il loro virus H5N1 potenziato è persino più piccolo di quello e potrebbe adattarsi a una nota di post-it. Lo scenario da incubo che Reid immagina va in questo modo: nei prossimi anni, un virologo ambizioso utilizza una tecnologia di modifica genica ampiamente disponibile per creare un supervirus: un patogeno 10 volte contagioso come la varicella e 10 volte più letale dell'ebola virus, ma con un periodo di incubazione di, diciamo, 10 mesi.

Sulla base di tale programmazione, l'intero mondo potrebbe essere infettato dal virus designer prima che la prima persona mostri anche i sintomi.

https://www.newsweek.com/2019/11/01/synthetic-biology-manmade-virus-terrorism-1467569.html

0 commenti:

Posta un commento