lunedì 6 aprile 2020

Musumeci Presidente della Regione Siciliana fa arrivare tonnelate di DPI ma la pratica Scorretta di Di Maio che si intesta il merito viene sbugiardata dai documenti ufficiali ! Bravo Musumeci e Vergogna Di Maio

Ormai sappiamo molte bene noi Italiani che il Movimento Cinque Stella ha assorbito bene quanto di peggiore la politica Nazionale del Pd ha espresso.

Si proprio quel M5S che voleva rivoltare come un calzino l'Italia dei furbi e che invece è stato letteralmente assorbito da esso.

Questa premessa per evidenziare quanto scorretto e' il comportamento del Ministro Di Maio sulla questione Presidi di Protezione Individuali.

Invece di nascondersi assieme ai vertici della Protezione Civile Nazionale per la mancanza dei DPI a distanza di 3 mesi dall'Emergenza, si intesta regolarmente i Presidi che giungono alle Protezione Civile Regionale per il tramite e il saper fare delle Regioni e dei loro Presidenti.

In Sicilia il Presidente On. Nello Musumeci dopo aver evidenziato le porcherie spedite dalla Protezione Civile Nazionale tramite il Ministro Di Maio, ossia i panni della Swiffer ed aver affermato che le guerre non si combattono con la fionda, si è rimboccato le mani facendo giungere ieri ben 40 tonnelate di dispositivi di Protezione Individuale.

Quaranta tonnellate di dispositivi di protezione destinati alla sanità dell’Isola.

È il contenuto di un aereo-cargo atterrato poco fa all’Aeroporto Internazionale di Palermo “Falcone Borsellino” per conto della Regione Siciliana, proveniente dalla #Cina.

 Il ponte-aereo è stato voluto dal governo di Nello Musumeci, che si è avvalso della forte sinergia con la UPMC in Italia-ISMETT, il colosso multinazionale che sta investendo nel Paese asiatico.

Il materiale, giunto a bordo di un Boeing 777 appositamente noleggiato, comprende mascherine chirurgiche, guanti, occhiali protettivi, camici, copricapo e gambali, per diversi milioni di pezzi.

 Il carico giunto stamane è solo il primo di più voli con la Cina che si effettueranno nei prossimi giorni.

 I dispositivi sono stati già presi in consegna dagli uomini della Regione Siciliana – Dipartimento Regionale della Protezione Civile, che da subito provvederanno a smistarli alle Aziende sanitarie e ospedaliere dell’Isola.

Oltre ai dispositivi giungeranno in #Sicilia con i prossimi carichi anche attrezzature destinate ai reparti di terapia intensiva e più diffusamente ai Covid-Hospital che sono stati realizzati attraverso il Piano straordinario messo in atto dal governo regionale.

 «Appena abbiamo compreso la difficoltà del Dipartimento Protezione Civile nazionale nel far fronte alle richieste di tutte le Regioni – spiega il presidente Musumeci – ci siamo mossi per trovare un rimedio e dare risposta a tutti.

Ci son volute più di due settimane di lavoro e confesso che fino all’ultimo abbiamo temuto che l’importante acquisto potesse saltare.

 Nel frattempo, abbiamo avuto contatti anche con aziende siciliane e spero che presto arrivino altri analoghi risultati. Intanto, questo primo materiale sarà distribuito già da subito per garantire tutela e sostegno al personale medico e sanitario impegnato in prima linea nei nostri ospedali.

 È una iniziativa – conclude il presidente – portata avanti nella leale collaborazione con lo Stato, a cui il mio governo non si è mai sottratto».

MATERIALE PROCURATO E COMPRATO DALLA REGIONE SICILIA E DAL SUO PRESIDENTE CHE HA FATTO MEGLIO DEL MINISTRO DI MAIO E DELLA PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE.

Ed invece di riconoscere i meriti della Regione Sicilia e del Presidente Musumeci (come ha fatto il Presidente stesso), Di Maio attuando un comportamento SCORRETTO attua una falsa e volgare campagna politica prendendosi meriti che non ha.

Evidenziando quanto sia colpevole per la incapacità gestionale di un problema che le Regioni stanno risolvendo da se pur avendo la palla al piede dello Stato Centrale.

Si vergognasse ! dando le dimissioni e scusandosi con il Presidente Musumeci e tutti i Siciliani.



ECCO LE VERE PROVE ED I FATTI VERI : DOCUMENTI UFFICIALI








0 commenti:

Posta un commento