mercoledì 24 giugno 2020

Smart Working la trappola per i dipendenti privati per essere licenziati facilmente

Si fa un gran parlare di Smart Working, tra le aziende, tra le Pubbliche Amministrazioni, nel mondo del lavoro in generale. La recente emergenza legata al Coronavirus ha portato alla ribalta, una volta di più, il fenomeno.

Lo Smart Working è un modello organizzativo in grado di portare notevoli vantaggi alle organizzazioni che lo adottano: in termini di produttività, di raggiungimento degli obiettivi, ma anche in termini di welfare e qualità della vita del lavoratore.

Tuttavia, il concetto di Smart Working resta ancora oggi avvolto in un alone di confusione.

Sovrapposto a pratiche per certi versi simili come il Telelavoro e il Lavoro da Remoto, ma in realtà molto diverse.

Il quadro normativo del Lavoro Agile non e' ancora ben delineato, e “non può essere preso in considerazione senza valutare sino in fondo anche tutti gli effetti collaterali e le ripercussioni che una adozione massiccia di questa modalità.

Di fatto he la maggior parte delle aziende sta pensando a piani di efficientamento, per dirlo in modo gradevole, cioè a piani di licenziamento.

A chi è a casa dico di non stare tranquillo", perche' questa occasione puo' diventare un vero incubo per i lavoratori nel piano generale della liberalizzazione del lavoro radical Chic di Centro Sinistra.

Aspettare per credere !

0 commenti:

Posta un commento