lunedì 30 novembre 2020

Emergenza Covid Sicilia: le dimissioni dell'Assessore Razza, funzionari e il Commissariamento di molte Aziende Ospedaliere dovrebbe essere un fatto inevitabile

 Il Governo Regionale di Musumeci e dell'Assessore Razza ha avuto circa 6 mesi di tempo per Organizzare una risposta alla 2 Pandemia di Covid, avrebbero dovuto organizzare assistenza territoriale, le Usca e le Unità di Terapie Intensive e semi-intensive con la collaborazione del Governo e della Protezione Civile ed invece nulla di tutto questo e' stato fatto.

Pur essendo di Centro Destra di fronde alla verità ed al dovere nessuno puo' tirarsi indietro, proprio per questo motivo in questi mesi assistiamo alla soluzione piu' facile quella di modificare i dati ufficiale e quella di mettere tutti d'accordo quando bisogna sfiduciare l'Assessore Razza.

Tutti colpevoli nella Politica Siciliana e Nazionale, oggi assistiamo ad una totale disorganizzazione territoriale e delle Usca con cittadini Siciliani che attendono di sapere da mesi cosa dovevano fare dopo aver contratto il Virus.

In questo scenario assistiamo al fallimento delle capacità Organizzative e Meritocratiche dei Funzionari Regionali e dei Direttori Generali di molte Aziende Ospedaliere.

Oggi si corre ai ripari creando unità covid in 3 o 4 giorni che dimostrano che si poteva fare non in 6 mesi ma in pochi giorni quello che la Politica non ha e saputo fare.

Uno spreco di risorse e di salute che pagano gli ignari cittadini Siciliani.

Oggi la Regione Sicilia diventa Gialla, grazie all'intervento di Micciche' su Berlusconi che dopo aver appoggiato il Governo sullo scostamento di bilancio passa alla cassa ma tradendo il CDX.

Attenzione On. Musumeci e Assessore Razza che questo lassismo in Sicilia comporterà un prezzo a Gennaio salato da pagare in termini di esplosione di Pandemia Covid in terza ondata.

l'Economia si salva aprendo gli esercizi commerciali ma anche con restrizioni serie visto che il numero di morti e positivi in Sicilia è ancora elevato.

Oggi serve personale e competenza.

"L'on. PULLARA, fatto cenno alle questioni concernenti gli

     intasamenti  dei  pronto  soccorso, la garanzia  della  continuità
     assistenziale per le altre patologie e la definizione  della  rete
     delle  terapie  intensive  e  sub-intensive,  pone,  altresì,   la
     problematica   delle  procedure  di  reperimento  del   personale,
     ritenendo  che le stesse debbano essere centralizzate al  fine  di
     evitare   l'attuale   giungla   contrattuale  e   le   conseguenti
     disparità di trattamento. Propone, altresì, di attingere  all'area
     dei  medici  che  lavorano  nelle  terapie  sub-intensive  per  il
     reperimento di personale."




0 commenti:

Posta un commento