martedì 5 gennaio 2021

Intervalli di dosaggio dei vaccini: cosa stanno facendo i paesi nel mondo

 Ecco un elenco di ciò che i paesi stanno facendo:

STATI UNITI

* La Food and Drug Administration statunitense ha affermato che la modifica del dosaggio autorizzato o dei programmi di intervallo dei vaccini COVID-19 è prematura e non supportata dalla scienza, pur riconoscendo che tali domande possono essere "ragionevoli" da considerare. Richiede 21 giorni tra le dosi di Pfizer e l'iniezione di BioNTech e 28 giorni per il vaccino di Moderna.

GRAN BRETAGNA

* In Gran Bretagna, le autorità di regolamentazione hanno affermato che i colpi possono essere somministrati fino a 12 settimane di distanza per i vaccini con l'approvazione di emergenza di AstraZeneca e del suo partner Oxford University, nonché di Pfizer / BioNTech.

Durante le prove del colpo di Oxford / AstraZeneca, l'intervallo di somministrazione mediano variava tra i paesi, con 10 settimane negli studi britannici e sei settimane in Brasile. Ma Pfizer afferma che il suo colpo è stato valutato correttamente solo con un intervallo di 21 giorni tra le dosi e non ci sono dati per dimostrare che la protezione sia mantenuta oltre 21 giorni dopo la prima dose.

La Gran Bretagna ha anche affermato che consentirà alle persone di ricevere iniezioni di diversi vaccini COVID-19 in rare occasioni, nonostante ammetta che "non ci sono prove sull'intercambiabilità dei vaccini COVID-19".

UNIONE EUROPEA

* L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha affermato che dovrebbe esserci un intervallo massimo di 42 giorni tra la prima e la seconda iniezione del vaccino Pfizer-BioNTech che ha approvato, sulla base di uno studio in cui i colpi sono stati somministrati a 19-42 giorni di distanza con protezione completa raggiunta sette giorni dopo il richiamo.

DANIMARCA

* La Danimarca ha approvato un intervallo fino a sei settimane tra il primo e il secondo scatto Pfizer / BioNTech, in linea con la guida dell'UE. Ha anche affermato che le linee guida originali di attesa solo da tre a quattro settimane dovrebbero essere seguite quando possibile.

GERMANIA

* La Germania sta valutando se consentire un ritardo, cercando la guida di una commissione indipendente per la vaccinazione sull'opportunità di spingere un secondo colpo oltre l'attuale limite massimo di 42 giorni tra frustrazione e critiche all'interno del paese su quello che alcuni vedono come un lancio lento.

BELGIO

* Il ministero della salute in Belgio afferma che sta pianificando di seguire le raccomandazioni dell'EMA per le dosi del vaccino COVID-19. In definitiva, le autorità regionali in Belgio in genere decidono sui piani di vaccinazione, ma non ci sono indicazioni che ci saranno approcci differenziati in tutta la nazione, ha detto una portavoce.

OLANDA

* Il ministro della salute olandese afferma che la nazione sta valutando di aspettare più a lungo con un secondo colpo.

IRLANDA

* L'Irish Immunization Advisory Committee ha raccomandato di continuare la somministrazione di due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech nel periodo indicato dai suoi produttori.

SPAGNA

* L'autorità sanitaria centrale continuerà a raccomandare la somministrazione di due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech nel periodo indicato dai suoi produttori, ha detto il ministro della Salute Salvador Illa.

SVIZZERA

* La Svizzera, che come paese extra UE ha un proprio regolatore dei farmaci chiamato swissmedic che ha approvato l'iniezione di Pfizer / BioNTech, non ha in programma in questo momento di deviare dall'etichetta dei vaccini per allungare le dosi, ha detto il ministero federale della Salute svizzero .

INDIA

* I regolatori che hanno approvato il vaccino Oxford / AstraZeneca, che sarà prodotto nel paese dal Serum Institute of India, ne hanno raccomandato la somministrazione a distanza di 8-10 settimane.

0 commenti:

Posta un commento